Vai al contenuto

Centro Operativo Comunale

La struttura funzionale alla gestione delle emergenze è il Centro Operativo Comunale (C.O.C.), ubicato nel Municipio di Rutigliano in Piazza Kennedy, nella Sala Giunta. La sede alternativa del C.O.C. è individuata presso la Scuola Elementare di via Pascoli.

Tali sedi rispondono alle seguenti caratteristiche:

  • ben servite da collegamenti stradali sia verso i centri più periferici che verso le linee di comunicazione nazionale;
  • sicure rispetto a movimenti franosi, inondazioni, incendi boschivi, incidenti industriali;
  • servite dalle reti di acqua, fogna, gas, elettricità, telefonia fissa e mobile;
  • ben collegate con aree utilizzabili per l’atterraggio di elicotteri, ammassamento e sosta;
  • con strutture in c.a. capaci di resistere a un terremoto di intensità già registrata in passato;
  • dotate di parcheggi esterni;
  • dotate di spazi adatti a contenere: la sala emergenza, la segreteria con centrale di comunicazioni telefoniche, la sala per elaborazioni informatiche;
  • dotate di impiantistica elettrica idonea a supportare le dotazioni necessarie.

Il C.O.C. si compone di un’area strategica ed una sala operativa.
L’area strategica è preposta a prendere decisioni ed è composta dal Sindaco, da altri Amministratori Comunali, da Dirigenti/Funzionari del Comune, da rappresentanti delle Strutture Operative coinvolte nella gestione dell’emergenza.
La sala operativa, strutturata secondo le funzioni di supporto, è diretta dal Responsabile del Servizio di protezione civile ed è composta dai funzionari comunali o da altri referenti locali preposti alla raccolta dati, alla predisposizione ed all'attuazione delle procedure per dare attuazione alle decisioni dell’area strategica.
Il C.O.C., per assicurare efficienza nelle attività di risposta all’emergenza, dovrà disporre dei seguenti locali:

  • locali per riunioni dell’area strategia;
  • locale per la sala operativa;
  • locale per il volontariato;
  • locale per le telecomunicazioni.

Tali locali dovranno essere attrezzati con le dotazioni logistiche, informatiche, tecniche indispensabili per l’immediato uso in caso di necessità:

  • almeno 2 PC desktop, possibilmente 1 PC portatile;
  • 1 stampante A3;
  • 1 fax (possibilmente 2);
  • 1 fotocopiatrice;
  • 1 scanner;
  • antenna e predisposizione allaccio di Radio RT VHF fissa (possibilmente apparato radio);
  • possibilmente almeno 2 Radio RT VHF portatili;
  • 1 gruppo di continuità;
  • 1 gruppo elettrogeno.

Il metodo di pianificazione “Augustus”, elaborato dal Dipartimento della Protezione Civile, prevede che le varie attività di protezione civile, a livello comunale, vengano ripartite tra 9 diverse aree funzionali, chiamate funzioni di supporto.
La necessità di individuare, nell’ambito della pianificazione di protezione civile, diverse funzioni di supporto con i relativi coordinatori, nasce dalla considerazione che le esigenze che si possono manifestare durante gli eventi calamitosi sono molteplici e svariate (monitorare gli eventi, assistere la popolazione, censire i danni ecc.), e vanno quindi affrontate con una struttura articolata, composta da figure dotate di differenti competenze.
I responsabili di funzione di supporto, in periodo ordinario (tempo di pace), mantengono “vivo” il piano con l’aggiornamento dei dati di relativa competenza, in emergenza coordinano le attività relative alla propria funzione di supporto.
L’elenco delle funzioni di supporto nel C.O.C. risulta quindi essere:

  1. Tecnica e di Pianificazione (Resp. Area Urbanistica - Edilizia Privata)
  2. Sanità, Assistenza Sociale e Veterinaria (Direttore di Distretto della A.S.L. al pari del suo sostituto).
  3. Volontariato (Comandante Polizia Locale)
  4. Materiali e mezzi (Resp. Area LL.PP. - Manutenzione - Verde Pubblico - Ambiente e Paesaggio - Edilizia Scolastica e Pubblica Istruzione)
  5. Servizi essenziali (Resp. Area LL.PP. - Manutenzione - Verde Pubblico - Ambiente e Paesaggio - Edilizia Scolastica e Pubblica Istruzione)
  6. Censimento danni a persone e cose (Resp. Area Economico-Finanziaria - Patrimonio - Gestione Risorse Umane)
  7. Strutture operative locali, Ordine Pubblico, Viabilità (Comandante Polizia Locale)
  8. Telecomunicazioni (Resp. Area Contratti - Sistema Informatico - Servizi Cimiteriali - Protocollo e Archicio - Albo Notifiche)
  9. Assistenza alla popolazione ed attività scolastica (Resp. Area LL.PP. - Manutenzione - Verde Pubblico - Ambiente e Paesaggio - Edilizia Scolastica e Pubblica Istruzione)

La struttura della sala operativa del C.O.C. si configura quindi secondo nove funzioni di supporto, che verranno attivate in maniera modulare a seconda della tipologia e dell’intensità del fenomeno calamitoso.

Accessibilità