Vai al contenuto

Rischio Black Out

La gravità della situazione che si determina a seguito di interruzioni nella fornitura di energia elettrica dipende dalla durata del blackout, ma le condizioni peggiori si hanno in orario notturno, durante il periodo invernale, per il possibile mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento, ed in corrispondenza delle ondate di calore estive, per il mancato funzionamento degli impianti di condizionamento.
In caso di blackout prolungati è possibile che le reti di telefonia mobili abbiano dei malfunzionamenti, per il sovraccarico di chiamate oppure smettano di funzionare, a causa della mancanza di alimentazione dei ponti ripetitori.
Si può ritenere che un’interruzione superiore alle 8÷10 ore continuative possa dar luogo a situazioni di emergenza.
Le principali criticità a cui si deve far fronte in caso di blackout sono connesse a:

  • incidenti stradali in orario notturno per la mancata illuminazione delle reti viarie;
  • interruzione del funzionamento di apparecchiature mediche (es. ossigenoterapia);
  • problemi nei presidi sanitari in caso di malfunzionamento dei generatori di emergenza;
  • problemi nei sistemi di telecomunicazioni in caso di malfunzionamento dei generatori di emergenza;
  • interruzione del riscaldamento (periodo invernale) o raffrescamento (periodo estivo) di strutture ospitanti soggetti “deboli” (case di riposo, scuole, ecc.).
Accessibility